Trattore Spa TL 37
Scheda di Lorenzo Tonioli

Caratteristiche

Passo 2,50 m
Carreggiata anteriore m. 1,44
Carreggiata posteriore m. 1,52
Lunghezza m. 4,13
Larghezza m. 1,83
Altezza m. 2,18
Peso: kg. 3181
Raggio di volta m. 4,50
Portata kg. 800
Pendenza massima superabile 40 %
Velocità massima km/h 38
Autonomia km 170

Motore a benzina, 4 cilindri in linea (4053 cc)

Le foto prive di indicazione sono state prelevate da altri siti

Verso la metà degli anni '30 si presentò l'esigenza per il Regio Esercito di dotarsi di un trattore leggero (da cui la sigla TL) a trazione integrale per il traino meccanico delle artiglierie divisionali (ovvero il cannone da 75/27 e l'obice da 100/17).
Dei due progetti presentati da Breda e SPA, fu quest'ultimo ad essere prescelto ed adottato nel 1938.
I primi collaudi vennero effettuati in Libia prima dell'inizio della guerra, e si rivelarono più che soddisfacenti.
Per quanto la meccanica del veicolo fosse complessa e la velocità non alta, lo SPA TL-37 si rivelò un ottimo trattore d'artiglieria, molto apprezzato ovunque venne utilizzato (Africa Settentrionale, Russia, Balcani). Tecnicamente poteva trasportare sei artiglieri, conduttore incluso, oltre a 250 kg . di munizioni di pronto impiego nel baule posteriore.
Le gommature erano diverse e si andava dagli pneumatici tipo “Libia” ed “Artiglio” agli semipneumatici tipo “Celerflex”.
La produzione in serie non fu mai sufficiente ai fabbisogni di Esercito, Marina ed Aeronautica, ed in aggiunta il TL-37 venne anche fornito all'Ungheria. I tedeschi utilizzarono ampiamente tutti i trattori di cui riuscirono ad impadronirsi dopo l'8 settembre e ne fecero continuare la produzione a loro beneficio.
Non di rado, come si nota dalle foto d'epoca, il TL-37 era adibito al traino (oltre che di artiglierie) anche di rimorchi, bighe rimorchio, cucine rotabili, e mezzi in panne.
Sullo stesso telaio del trattore d'artiglieria vennero allestite altre versioni, tra cui l'Autocarro Sahariano AS-37, il carro radio, l'autobotte per benzina, l'autocannone da 75/27, l'autocarro T-37 ed anche una versione protetta (Autoprotetto S 37), oltre ad una vera e propria autoblindata.
Al termine della guerra e fino al 1948 rimasero in servizio nell'Esercito Italiano sia il trattore d'artiglieria che l'autocarro T-37.

BIBLIOGRAFIA
“Gli autoveicoli tattici e logistici del Regio Esercito italiano fino al 1943” di Nicola Pignato e Filippo Cappellano, Stato Maggiore dell’Esercito – Ufficio Storico, Roma 2005

Torna alla sezione principale >>