Trattrice Pesante Breda 32
Scheda di Lorenzo Tonioli

Caratteristiche

Passo 2,65 m
Carreggiata anteriore m. 1,68
Carreggiata posteriore m. 1,61
Lunghezza m. 5,15
Larghezza m. 2,08
Altezza m. 3,00
Raggio di volta m. 5,75
Portata kg. 3500
Pendenza massima superabile 35 %
Velocità massima km/h 30
Peso trainabile kg. 7000
Autonomia km 240 (senza rimorchio)

Motore a benzina

Le foto prive di indicazione sono state prelevate da altri siti

Il problema del traino delle artiglierie pesanti del Regio Esercito, sia di quelle residuate dalla Grande Guerra che dei tipi più moderni (come l’obice da 210/22), trovò una valida soluzione a partire dal 1933, quando venne ufficialmente adottata la trattrice pesante Breda 32.
Tale veicolo derivava da un autocarro trattore Breda del 1927 a trazione integrale, e sostituì altre trattrici ormai obsolete (Fiat 20 B e Pavesi-Tolotti) presso i Reggimenti d’Artiglieria d’Armata.
Il telaio era in acciaio fuso, il cassone era in lamiera stampata con apertura posteriore a doppio battente.
Oltre alla Breda 32 venne adottata per il Genio Pontieri e Lagunari la Breda 33, a passo allungato e con diversa carrozzeria e meccanica.
Della Breda 32 venne allestita una versione autosoccorso con gru (detta comunemente “giraffa”).
A partire dalla Guerra di Spagna la Breda 32 accompagnò la marcia delle artiglierie pesanti italiane su tutti i fronti; poteva marciare anche su terreni accidentati, per quanto in Africa Settentrionale rivelò una tendenza ad insabbiarsi.
Venne anche adottata dalle Ferrovie dello Stato (dove restò in servizio fino quasi al 1990) per il traino dei carrelli stradali adibiti al trasporto dei carri merci.
Tra gli eserciti stranieri quello ungherese ordinò parecchi esemplari della Breda 32 per il traino dell’obice da 210/22, e pare che anche quello bulgaro ne avesse qualcuna in dotazione. Nel dopoguerra una versione rimodernata (con ruote pneumatiche e motore del Lancia 3 RO) restò in servizio nell’Esercito Italiano.

BIBLIOGRAFIA
“Gli autoveicoli tattici e logistici del Regio Esercito italiano fino al 1943” di Nicola Pignato e Filippo Cappellano, Stato Maggiore dell’Esercito – Ufficio Storico, Roma 2005

NB. Le foto prive di didascalia sono state prelevate da altri siti o da riviste. Chiunque riconoscesse le foto come proprie può segnalarcelo. Inseriremo la didascalia secondo la vostra segnalazione oppure, se ci verrà richiesto, le toglieremo dalla scheda.

Torna alla sezione principale >>